venerdì 17 maggio 2013

Purè di fave e cicoria


Che le mie origini siano in parte pugliesi era ormai chiaro a tutti ma, nel caso ci fosse ancora qualche scettico, dopo questa ricetta non avrà più dubbi.
Più che di un piatto si tratta di un manifesto culturale, di un vero e proprio simbolo della Puglia e della sua meravigliosa cultura gastronomica, fatta di ingredienti poveri magnificamente esaltati da sapienti preparazioni che ne sublimano il già magnifico sapore.
Questa ricetta che posto oggi è tuttavia una interpretazione, solo lievente difforme dalla ricetta originaria, che prevede solo la cottura delle fave senza aggiunta di verdure ma, secondo gli intenditori, questa versione riesce gradita anche a quelli che meno apprezzavano questo piatto della tradizione. Solo ma il desiderio di rendere felice il mio adorato marito facendogli risentire il sapore della sua terra natale, da cui è troppo lontano e da troppo tempo, mi ha spinto a provare (anche se con l'aiuto del Bimby che mi consente di non meneggiare troppo i legumi).
Il suo viso quando metto a tavola questo piatto e lui comincia ad assaporarlo, mi convince a perseverare...deve essere proprio buono!
Eccovi dunque la ricetta opera di una a me sconosciuta dimostratrice del Bimby ricetta che, naturalemente, potrete realizzare anche con una normale cottura in tegame.

Igredienti:
300 gr. di fave secche spezzate (diventano 600 gr. messe a bagno)
600 gr. di acqua
50 gr. di olio extravergine di oliva pugliese (naturalmente) da aggiungere a fine cottura
5 pomodorini ciliegino
1 patata (100 gr.)
1 cipollina
1 cucchiaino di sale fino (10 gr.)
700 gr. di catalogna pulita e lavata

Esecuzione:
Mettere la sera in ammollo le fave sgusciate, inserire nel boccale tutti gli ingredienti, tranne l'olio e programmare 7 min. a 100° e vel. 1.
Pulire, lavare e sgocciolare la verdura e metterla nel Varoma; alla fine dei 7 minuti mettere il Varoma sul coperchio del Bimby e programmare 30 minuti, temperatura Varoma, velocità 1.
Al termine io frullo tutto a vel. 8 per 30 sec. poi verso in un piatto con i bordi alti o in una fondina, aggiungo le verdure e condisco con l'olio.
Negli ultimi tempi preferisco però cuocere le verdure in acqua bollente salata anziché nel Varoma, perché diventano più morbide, questione di gusti!
A voi la scelta.

8 commenti:

  1. Grazie per questa ricetta! A me piacciono molto le fave,ma da noi (emilia) non si trovano tantissimo e francamente non conosco molte ricette…
    Mio marito è lucano quindi anche per lui potrebbe essere una riscoperta di sapori del suo passato.
    La proverò sicuramente

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Valentina,ti sarà facile trovare le fave secche in un qualunque supermercato ben fornito, prova! e grazie a te per aver scritto.

      Elimina
  2. ciao cara, piacere io mi chiamo Vanna,e sono felice di essere passata da te! trovo il tuo blog molto interessante e quindi mi sono unita, se ti va di venire da me mi fa molto piacere, a presto! http://ledeliziedivanna.blogspot.it/

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Cara Vanna, grazie pr i complimenti e scusa per il ritardo con cui rispondo; anch'io ho visitato il tuo blog, davvero bello esteticamente ed interessante nei contenuti.
      purtroppo non sono riuscita a diventare una follower perché non trovo l'icona per farlo...comunque ti seguo lo stesso.

      Elimina
  3. una ricetta molto interessante mi piace abbianamneto fave e catallogna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Scusa se rispondo solo ora, grazie del tuo incoraggiante commento. PROVA LA RICETTA!

      Elimina
  4. ciao e ben trovata ,ti faccio i miei complimenti per il blog e da buona pugliese anche per questo piatto che io conosco bene e a te e' venuto benissimo ....un abbraccio .

    RispondiElimina
  5. IL COMPLIMENTO CHE ARRIVA DA UNA PUGLIESE VALE MOLTO! GRAZIE E COMPLIMENTI PER I TUOI BLOG CHE VISITO REGOLARMENTE

    RispondiElimina